[GARMIN Nuvi 510 – Zumo 220] Procedura manuale uso GPX

Prima di partire,  preparo in genere un gpx per ogni giorno di strada, con pochi punti: l’inizio (ovvero un punto pochi km dopo l’inizio effettivo), alcuni intermedi (1), la fine (ovvero l’albergo, il più probabile, anche se in genere inserisco come ultimi punti,  due o tre possibilità alloggiative (3))
Il gpx si può fare in vari modi, ne parlerò in un nuovo articolo
gpx_route
Preparati e salvati i gpx sul pc, collego il Garmin via usb che viene visto come una sorta di memoria esterna. Prendo i gpx e li copio nella cartella GPX del Garmin. Scollego e provo se i gpx vengono importati correttamente e sopratutto se il Garmin ‘li naviga’, se li può usare, calcolando il percorso come ho già pianificato da pc.

Procedura di importazione sul Garmin Nuvi 510 (Zumo 220)
strumenti > dati utente > importa percorso da file
selezionare il/i gpx preparati da importare > Importati correttamente
Procedura di caricamento per utilizzarli
da schermata principale > Dove si va? >percorsi personali >scegliere tra quelli precedentemente importati
Tre opzioni
  • Vai (inizia il percorso dal primo punto(2))
  • Anteprima (ottimo per rendersi conto se tutto è ok)
  • Modifica (fondamentale per provare il percorso da casa o rielaborarlo in itinere***)
Note
(1) Punti intermedi. In genere sono siti da visitare ma possono essere anche punti con i quali ‘forzo’ il gps a seguire una certa strada, aprioristicamente. va usato con cautela in fase di studio, ponendo il punto su una strada o su un incrocio perchè è facile sbagliare. Solo verificando sul navigatore si può vedere se questo tipo di punto punto intermedio ‘funziona’. Nel caso non funzionasse, il calclo del percorso non andrebbe a compimento (vedi nota***)
(2) Vai, inizia il percorso. Altra questione delicata, perchè in genere, in partenza potremmo non essere esattamente sul primo punto per cui il gps ci chiederà se vogliamo passare dal primo punto. Potremmo dirgli no, vai oltre, ovvero al secondo punto che però potrebbe essere anche molto distante. Si ovvia mettendo come primo punto, un punto non esattamente coincidente con il vs garage, o il porto di partenza…ma magari un punto a pochi km dalla partenza probabile. In questo modo alla domanda ‘vado al primo punto’ potremo rispondere serenamente, si, vai
(3) Modifica. Dentro al menu modifica, troviamo alcune voci fondamentali
  • aggiungi/rimuovi punti (spiegato in basso)
  • Riordinamento punti manuale (per modifiche in itinere, cambio percorso, priorità)
  • Riordinamento punti ottimizzato (quando si fanno modifiche manuali, rimette in sequenza tutto per evitare zig e zag)
  • Ricalcola (vedi sotto)
Ricalcola si deve usare (prima di partire) per verificare che il gpx sia accettato, attraverso tre opzioni:
Minor tempo
Prende le strade più veloci, in genere anche autostrade, prioritario rimane comunque il settaggio preliminare sul gps, ovvero di evitare ad esempio ‘strade a pedaggio’..In questo caso eviterà
Distanza più breve
Questa è pericolosa se non sapete dove siete, vi potrebbe far passare ovunque, scale di paesi, presunti tratturi…(specie con mappe OSM su cui c’è di tutto):kcdhskusm: Se sapete dove siete (ed è ancora giorno:kcdhskusm:), vi fa invece divertire, come recentemente mi è successo in Albania e sui Carpazi
Linea retta
fa calcolare il gps pure se non ci sono strade, passa tutto…forse se abbiamo fissato dei punti in pieno fuoristrada, dovrebbe poter puntare noi rispetto al punto senza seguire nulla…mai provato ma dovrebbe essere cosi
Fatto il calcolo e il gpx funziona, tutto ok, è pronto per l’uso.
Se non funziona e il calcolo si blocca prematuramente… e ancora siete a casa, potrete vedere direttamente sul gps perchè non funziona: con il Menu ‘aggiungi rimuovi punti’ potrete togliere quelli che già sapete essere problematici, ad uno ad uno rifacendogli fare il calcolo.
In ogni caso potrete rimodificare il gpx sul pc, ottimizzarlo e  ricopiarlo sul navigatore, con la procedura di cui sopra.
Il discorso dei tre alberghi finali: scelto/prenotato l’albergo (tra i tre papabili che ho scelto da casa) in genere il giorno prima, la mattina scegliendo il percorso del giorno, lo modificherò da menu, togliendo gli alberghi che non mi servono
Fare un buon gpx evita rogne: mettere i punti in pianificazione in modo mirato (ad esempio non puntare al paese in cui passiamo, ma all’entrata, perchè comunque il gps ci passa e camminerà al punto successivo…se si punta ad un rudere, il punto deve essere messo all’ingresso, su strada perchè se non c’è strada, anche per 50 metri, il gps si impalla nel calcolo…col tempo capirete facilmente questa logica, la logica dei pochi ma buoni punti)
IN OGNI CASO -ribadisco- QUI PARLIAMO DI PROCEDURA MANUALE che ha una buona dose di empirismo e divertimento -almeno per me-. se si usa una mappa precaricata su basecamp e con quest’ultimo si realizzano percorsi, usando la stessa mappa sul navigatore (con lo stesso motore di calcolo), su quest’ultimo non dovrebbero esserci problemi di percorso…troppo facile :)

Lascia un commento