Mitas E-09 Gomma on off road

Già da qualche tempo mi sto interessando ad una gomma tassellata dall’utilizzo polivalente strada e fuoristrada, con battistrada possibilmente tacchettato. L’esperienza di una gomma simile l’ho fatta per il viaggio in Tunisia del 2010, per il quale montai sul Suzuki DR650RS due ottime Continental TKC80. Si rivelarono longeve (circa 9000 km) ottime su

strada (grande grip, grandi curve) e con trazione sia su sabbia che sul pietrisco.  Inutile dire che qualsiasi enduro stradale con queste gomme acquisisce un look da vera fuoristrada avventurosa. Queste ottime gomme però hanno un prezzo mediamente piuttosto alto e quindi mi sono orientato, in alternativa, su qualcosa di simile ma più economico: le Mitas E-09.

Queste gomme sono molto apprezzate per un utilizzo polivalente su moto da enduro stradali anche pesanti e vengono considerate buone complessivamente (un buon grip anche sul bagnato, una buona trazione in fuoristrada) e abbastanza longeve da sopportare anche lunghi trasferimenti autostradali, condizione tipo di alcuni viaggi africani soft, in cui si è molto spesso su asfalto, per poi trovarsi su piste anche mediamente difficili.

Delle Mitas E-09 esiste anche una variante, la Dakar, la quale, leggendo in giro per forum e siti specialistici, dovrebbe essere la versione più votata all’avventura, più ‘dura’. Su quest’ultima caratteristica, la durezza, ci sono diversi pareri: c’è chi dice la carcassa, chi la mescola, che entrambe. In ogni caso una comparazione in termni di prestazioni tra le due varienti non può che essere supposta.  Quasi tutti per non sbagliare, con una differenza di prezzo di pochi euro, prendono la Dakar…

Ma che differenze ci sono realmente? Io l’ho chiesto direttamente alla Mitas e questa è la risposta (in sintesi).

 

The difference between the standard version of the E-09 and the Dakar version is in carcass and tread material and also construction.

The “Dakar” have.

– a tread material which prevents overheating and is also more puncture resistant.( not to explain with “harder” or “softer” )

– carcass material is different ( harder )

– reinforcements between the layers of the carcass are on a other position and made out of other material.

 

 Quindi materiale del battistrada e carcassa e sue caratteristiche costruttive:

la gomma del battistrada, non è né più soffice, né più dura e solo più resistente alle forature e si scalda meno. Diciamo che può essere un materiale meno incline a lasciarsi perforare ma forse per una gomma si traduce in una maggiore ‘durezza’ complessiva e ciò potrebbe incidere sulla tenuta rispetto alla versione normale e positivamente sulla durata. Il materiale usato incide anche sulla resistenza al rotolamento e quindi al riscaldamento esterno ed anche questa caratteristica ha i sui lati positivi (la gomma si deteriora meno) e  negativi (più fredda significa anche meno pronta, più difficile da scaldare, specie a temperature basse, un pò legnosa e da prendere con più cautela in queste condizioni, su strada)

la carcassa. Ci viene confermato che è più dura (con i pro e i contro, più resistente agli urti del fuoristrada, più difficile da smontare, meno deformazioni in strada e quindi un pò meno assecondante tra le curve). La stessa è fatta con materiali diversi, collocati in posizione diversa.

Insomma, simile solo per estetica ma di fatto totalmente diversa come caratteristiche.

Se volete dare un’occhiata ai prezzi, potreste partire da qui

Mitas E09 Dakar

 

A presto con una prova su strada.

Lascia un commento